I 5 alimenti più efficaci per contrastare il Coronavirus

I 5 alimenti più efficaci per contrastare il coronavirus

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su email
Condividi su whatsapp

Dal momento che molti esperti ritengono improbabile evitare il contagio, cerchiamo almeno di rafforzare le nostre difese immunitarie con l’alimentazione e l’attività fisica.

1° Olio di oliva extravergine ad alto potere polifenolico (<500mg/kg)
Grazie alla sua eccezionale quantità di polifenoli e in particolare dell’idrossitirosolo, ha dimostrato di possedere una forte proprietà antivirale, coadiuvata inoltre da una quantità rilevante di vitamina E.
Rif:J Biotechnol. 2020 Feb 10;309:29-33. doi: 10.1016



2° Melagrana
Nonostante le numerose sostanze naturali potenzialmente benefiche presenti nel melograno, sono considerati predominanti i polifenoli, principalmente gli ellagitannini idrolizzabili e gli antociani importanti agenti per la prevenzione e persino il trattamento di numerose infezioni batteriche e virali.
Rif: Foods. 2020 Jan 23;9(2). pii: E122. doi: 10.3390


3° The verde
L’antiossidante più abbondante è il composto polifenolico chiamato epigallocatechina gallato (EGCG) è il principale componente di catechina del tè verde ( Camellia sinensis ) ed è noto per possedere attività antivirali contro una vasta gamma di virus DNA e virus RNA. È in grado di inibire la fase iniziale delle infezioni, come l’attaccamento, l’ingresso e la fusione delle membrane cellulari.
Rif: Molecules. 2018 Sep 27;23(10). pii: E2475. doi: 10.3390

4° Miele grezzo (non sottoposto a trattamenti termici)
L’attività antimicrobica del miele è estremamente complessa, in quanto può derivare da composti fenolici, peptidi antibatterici, ape defensiva-1, e altre molecole oggi indagate. Alcuni dei batteri presenti nel miele producono agenti antimicrobici, chiamate batteriocine, che possono proteggere il prodotto dallo sviluppo di altri microrganismi e diventano di conseguenza benefiche per la salute dei consumatori, offrendo buoni risultati in caso di terapie infettive.
Rif : dx.doi.org/10.5772/67117;  J Antimicrob Chemother. 2020 gen 16. pii: dkz527. doi: 10.1093
Rif: Saudi J Biol Sci. 2018 Feb;25(2):320-325. doi: 10.1016

5° Spezie
Origano, salvia, basilico, aglio, cipolla, erba cipollina, menta peperina, rosmarino, zenzero, curcuma, cannella, chiodi di garofano, anice stellato sono ampiamente note per i suoi effetti antivirali. Per esempio nell’anice stellato si trova la fonte della molecola precursore, l’acido shikimico, che viene utilizzato nella produzione di oseltamivir (Tamiflu®), farmaco antivirale per l’influenza A e l’influenza B.
Rif: Phytother Res. 2020 Jan 29. doi: 10.1002/ptr.6614

I 10 integratori più efficaci

1° Minerali
Potassio, Magnesio, Calcio, Zinco, Rame, Selenio, Manganese, Ferro

2° Vitamine
Vit. A, B2, B6, B12, D, Acido folico, Beta-carotene

3° Probiotici
Lactobacillus e Bifidobacterium

4° Ganoderma Lucidum (Reishi)
Alta titolazione in polisaccaridi (<40%)

6° Aminoacidi
Aminoacidi essenziali e semi-essenziali

7° Omega3
L’acido linolenico e i suoi derivati ​​(EPA e DHA)

8° Polifenoli
Curcumina, idrossitirosolo, cianidina, quercetina, catechina, acido ellagico, acido gallico, ecc.

9° Ginseng
Estratti fermentati di Ginseng

10° Sambuco Nero
Estratto secco o tintura madre

Soggetti asintomatici e infezioni subcliniche

Un soggetto asintomatico, quindi senza alcun sintomo può risultare positivo al tampone (quindi contagiato) tuttavia senza manifestare i classici sintomi dell’infezione respiratoria, come appunto tosse e/o febbre. È noto per la COVID-19 che anche gli asintomatici possono trasmettere la patologia, come spiega il professor Fabrizio Pregliasco, virologo dell’Università degli Studi di Milano. Il virus nella maggior parte dei casi è asintomatico, nell’85 percento dei casi i sintomi sono minimi o inesistenti, in pochi casi è necessario il ricovero in ospedale e in pochissimi in terapia intensiva. Potrebbe anche capitare che un soggetto abbia contratto il virus e lo mantiene attivo nell’organismo del paziente a livello subclinico e, come tale, non rilevabile con il test del tampone.

Immunodepressione da cibo

L’alimentazione gioca quindi un ruolo fondamentale in questi casi. Quello che conta però, è sia la qualità dei cibi consumati che la loro quantità. Le persone con problemi di obesità o al contrario persone deperite, indeboliscono le proprie capacità immunitarie. Sia le diete squilibrate, troppo povere di calorie e nutrienti, sia l’eccessivo consumo calorico, soprattutto di zuccheri semplici e di grassi saturi deprimono il sistema immunitario. Ad esempio, l’ingestione di 100 grammi di glucosio o di altri zuccheri come il fruttosio o il saccarosio, secondo certi studi riduce in modo significativo la capacità dei globuli bianchi neutrofili di eliminare batteri e virus anche per cinque ore consecutive. Inoltre l’obesità costituisce anche un fattore di rischio per diabete, ipertensione, colesterolo alto: tutte patologie che indeboliscono le difese immunitarie.
Va ricordato che questa sorta di “immunodepressione da cibo”, colpisce anche i grandi bevitori: l’alcol influisce negativamente sulle attività dell’organismo. 

Carenze subliniche comuni  

La funzione immunitaria ottimale dipende da un sistema immunitario sano. A sua volta, un’alimentazione adeguata è fondamentale per garantire un buon apporto di fonti energetiche, macronutrienti e micronutrienti necessari per lo sviluppo, il mantenimento e l’espressione della risposta immunitaria. I micronutrienti hanno ruoli vitali in tutto il sistema immunitario che sono indipendenti dallo stadio di vita ed è stato stabilito che quelli più necessari per sostenere l’immunocompetenza includono le vitamine A, C, D, E, B2, B6 e B12, l’acido folico, beta carotene, ferro, selenio e zincoEsiste un’interazione bidirezionale tra nutrizione, infezione e immunità: la risposta immunitaria è compromessa quando la nutrizione è scarsa, predisponendo le persone alle infezioni e un cattivo stato nutrizionale può essere aggravato dalla risposta immunitaria stessa a un’infezione. È chiaro che l’immunocompetenza ottimale dipende dallo stato nutrizionale. È noto che le carenze di micronutrienti e le assunzioni non ottimali sono comuni in tutto il mondo e che alcuni micronutrienti possono avere maggiori probabilità di essere insufficienti nelle diverse fasi del corso della vita. Ciò può influire sul rischio e sulla gravità dell’infezione e, in effetti, lo stato nutrizionale di un individuo può prevedere il decorso clinico e l’esito di alcune infezioni come la diarrea, la polmonite e il morbillo. La resistenza alle infezioni può essere migliorata aggiungendo nuovamente i nutrienti carenti nella dieta e ripristinando la funzione immunitaria. Tuttavia, non è sempre possibile raggiungere un buono stato nutrizionale solo attraverso la dieta. Nei paesi in via di sviluppo, ad esempio, può essere difficile trovare un approvvigionamento alimentare adeguato e vario. Anche nelle nazioni industrializzate, dove si può presumere che alimenti sani e nutrienti siano più facili da ottenere, le origini sociali, economiche, educative, etniche e culturali influenzano la dieta e possono influenzare negativamente lo stato di micronutrienti di un individuo. 

Rif: Nutrients. 2018 Oct 17;10(10). pii: E1531. doi: 10.3390/nu10101531

Immunosenescenza

Immunosenescenza significa invecchiamento del sistema immunitario. Con l’aumentare dell’età, il sistema immunitario subisce un processo di rimodellamento, chiamato immunosenescenza, che è accompagnato da notevoli cambiamenti nelle sottopopolazioni di leucociti (globuli bianchi) e un declino in varie funzioni delle cellule immunitarie. Clinicamente, l’immunosenescenza è caratterizzata da una maggiore suscettibilità alle infezioni, una riattivazione più frequente dei virus latenti, una riduzione dell’efficacia del vaccino e una maggiore prevalenza di autoimmunità e cancro. Fisiologicamente, il sistema immunitario ha alcune strategie adattive per far fronte all’invecchiamento, mentre in alcuni contesti, le risposte disadattive aggravano la velocità dell’invecchiamento e la morbilità. Mentre una mancanza di attività fisica, diminuzione della massa muscolare e scarso stato nutrizionale facilita l’immunosenescenza e l’infiammazione, fattori di uno stile di vita sano come l’esercizio fisico moderato ma regolare e abitudini alimentari corrette, influenzano positivamente l’invecchiamento immunitario. In particolare, un regolare allenamento fisico, in età avanzata sembra influenzare i processi d’invecchiamento del sistema immunitario innato e adattativo, migliorando il funzionamento delle cellule immunitarie NK (Natural Killer). Allo stesso modo sembrerebbero essere influenzati positivamente anche i neutrofili (globuli bianchi più numerosi).

Rif: Nutrients. 2020, 12(3), 622; https://doi.org/10.3390/nu12030622

Metalloimmunologia

La metalloimmunologia studia l’immunità controllata dagli ioni metallici. 
I metalli sono componenti essenziali in tutte le forme di vita richieste per la funzione di quasi la metà di tutti gli enzimi e sono coinvolti in modo critico in praticamente tutti i processi biologici fondamentali. In particolare, i metalli di transizione ferro (Fe), zinco (Zn), manganese (Mn), nichel (Ni), rame (Cu) e cobalto (Co) sono micronutrienti cruciali noti per svolgere ruoli vitali nel metabolismo anche grazie al loro unico proprietà redox. I metalli svolgono tre funzioni principali all’interno delle metalloproteine: fornire supporto strutturale, fungere da cofattori enzimatici e mediare il trasporto di elettroni. Gli ioni metallici sono anche coinvolti nel sistema immunitario dalle allergie ai metalli all’immunità nutrizionale. Nell’ultimo decennio è stata attirata molta attenzione sul ruolo degli ioni metallici nel sistema immunitario, poiché sono aumentate le prove per suggerire che i metalli sono criticamente implicati nella regolazione sia del rilevamento immunitario innato che della difesa dell’ospite contro agenti patogeni invasori. L’importanza degli ioni nell’immunità è anche evidenziata dall’identificazione di varie immunodeficienze in pazienti con mutazioni nei canali ionici e trasportatori. Inoltre, l’immunoterapia antitumorale ha recentemente dimostrato in modo conclusivo di essere efficace e importante per il futuro trattamento del tumore, sebbene solo una piccola percentuale di pazienti oncologici rispondano all’immunoterapia a causa di un’attivazione immunitaria inadeguata. Tuttavia, siamo ancora in una fase primaria della scoperta delle diverse funzioni immunologiche degli ioni e della comprensione meccanica dei ruoli di questi ioni nella regolazione immunitaria. 
Rif. Adv. Immunol. 2020; 145: 187-241. Doi:10.1016/bs.ai.2019.11.00

Semplici raccomandazioni per rafforzare le difese immunitarie 

Semplici raccomandazioni per rafforzare le difese immunitarie

ALIMENTAZIONE SANA: frutta, verdura, legumi e tuberi di stagione, cereali semi-integrali, pasta-pane-prodotti da forno esclusivamente con grani duri antichi, olio extravergine di oliva, miele grezzo, pesce ricco di omega3 o semi di lino, utilizzare molte spezie e poco sale per condire, in tutti i casi, mai in eccesso ne in difetto di calorie.EVITARE ECCESSI DI: bibite alcoliche e/o zuccherate, proteine animali (carne, formaggi, ecc.), fast food, dolci.

sistema immunitario compromesso
raccomandazioni per contenere il contagio da Coronavirus

Argomenti correlati

Nutrizione sportiva

Di solito si associa lo sportivo a una persona sana in forma, ma purtroppo spesso non è così. L’atleta moderno che partecipa a sport d’élite è

Torna su